M.r Weiss à Rome, ovvero F-Pn Rés Vma ms. 1213

L’arrivo e la durata della permanenza di Silvius Leopold Weiss a Roma rimangono al momento un mistero, del quale ho già avuto modo di riassumere i contorni in un post precedente.

Un manoscritto tedesco, concluso probabilmente intorno al 1740 (datazione approssimativa resa possibile da brani di altri musicisti) e giunto in Francia grazie alla collezione di Geneviève Thibault, contessa di Chambure, intitolato “Fantaisies et Preludes // composées // par // M.r Weiss. à Rome” e catalogato attualmente alla BNF con la segnatura  “F-Pn Rés Vma ms. 1213” è comparso tra le digitalizzazioni del progetto Gallica e come tale è disponibile per tutti a questo indirizzo.

Il manoscritto contiene, insieme ad altra musica, 8 brani di sicura attribuzione a Weiss, tra i quali solo due non comparirebbero in altri manoscritti.

La segnalazione proviene dal liutista tedesco Markus Lutz (che cura anche la versione tedesca dell’ottimo e informatissimo sito dedicato a Weiss)  ed à apparsa sulla lista anglosassone di liuto barocco.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *